cuzzolin

Il bello delle parole di A.Imperatore sulla rivista "La Serpe"

Recensione tratta dalla rivista "La Serpe" dell' Associazione Medici Scrittori Italiani: 

 

Quarta fatica del Nostro, " Il bello delle parole", continua il suo viaggio fra le parole in lingua e in napoletano, seguendo un  tragitto in cui arguzia, ironia tutta partenopea, curiosità aneddotica, ma anche, quasi pudicamente nascosto, rigore filologico si mescolano con grazioso rispetto e cortese attenzione per il lettore. Questo di pagina in pagina viene trascinato verso la fine perché l'Autore costruisce un legame di compiaciuta connivenza se non complicità. Ogni parola ha una storia tutta sua, a volte complicata, a volte con il sapore dell'intrigo, per cui come inchiesta poliziesca Alfredo Imperatore bitta lì ad uso e consumo del lettore alcuni indizi e poi riprende il filo e districa la matassa. Del resto i sintomi e i segni nell'epicrisi medica di una vicenda sono pari agli indizi e dato che l'Autore è un medico con questo bel volume ci vuole anche ricordare di essere non dimentico del bello di una professione. Edizione magnifica, cosa che non dispiace, per la qualità della carta e l'eleganza della stampa. In copertina un gustoso e colorato quadro di vita napoletana, tratto dalla collezione di Ciro Savarese.

 

Gianfranco Brini

 

La storia di Helena Rubinstein - Questo mese è su Goia in edicola

Questo mese, il volume sulla vita di Helena Rubinstein è in edicola su Gioia!

per saperne di più

La storia di Helena Rubinstein inaugura la nuova collana della Cuzzolin Editore

Con la storia di Helena Rubinstein, donna di straordinaria semplicità che ha rivoluzionato il concetto di bellezza la Cuzzolin editore, in esclusiva nazionale, inaugura una nuova collana editoriale. La casa editrice guidata dall'imprenditore partenopeo Maurizio Cuzzolin, con questo nuovo progetto, vuole raccontare e far conoscere le storie e i segreti di Uomini e Donne che hanno, con la loro forza e caparbietà, scritto pagine memorabili della nostra società. Prima di essere una marca di cosmetici, infatti, Helena Rubinstein è stata una musa ispiratrice designata dal destino. E che destino! Tutti conoscevano la miliardaria vistosamente ingioiellata ritratta da Dalì o da Picasso, l’imperatrice della bellezza che trasformò l’immagine della donna permettendole di rispecchiarsi nell’incanto dell’eterna giovinezza, la lavoratrice instancabile che percorreva il pianeta a passo di carica, con brevi soste nelle sue sontuose dimore. Ma quanti sapevano che questa “Hearst al femminile” altro non era in origine che una piccola Polacca? Nata nel 1872 nel quartiere ebraico di Cracovia, primogenita di otto figlie. Esiliata in Australia all’età di 24 anni, divenne pioniera dei trattamenti estetici. Morì a New York a 93 anni da principessa cosmopolita, avendo vissuto una vita da romanzo.

per saperne di più

 

Copyright 2013 Cuzzolin Editore - tutti i diritti riservati